Uomini, macchine e guai - Ron Goulart

Una raccolta di racconti scritti tra il 1965 e il 1975 aventi come protagonisti più o meno centrali gli androidi, gli uomini artificiali, le creature sintetiche. Le storie sono varie e includono elementi di sesso, matrimonio, tradimento, denaro e delitto che, pur ambientati in un mondo tecnologicamente progredito, sembrano mantenersi sempre al centro delle problematiche dell'uomo. Come se non fosse possibile grattarsi via certe storie.

I racconti sono molto piacevoli e ben scritti. Corti, divertenti e facili da leggere. Molta satira, a volte leggera a volte un po' più amara, che resiste ancora molto bene agli anni passati. Sarà che certi argomenti rimangono sempre gli stessi, sarà che ci illudiamo di essere andati avanti ma ancora non ci siamo evoluti troppo, come società, da quello che eravamo 50 anni fa.

I miei preferiti? La cimice nella pelle, Meglio un asino vivo, Ding-dong, L'innocenza di Padre Bangs.