Nuove civiltà aliene

Come quella volta che scoprimmo un pianeta, oltre i limiti del sistema solare, abitato da una civiltà aliena evoluta.

Pieni di entusiasmo, e con una buona dose di terrore (e se poi ci invadono?) decidemmo infine di inviare un messaggio radio. Poi, preso il coraggio, seguirono altri messaggi, su canali differenti, codificati per quelli che ipotizzavamo fossero schemi di comunicazione comprensibili a forme di vita aliene.

Inviammo infine una sonda autonoma, in esplorazione. Un drone come messaggero di pace.

Gli alieni ignorarono ogni singolo tentativo di comunicazione.
Li avevano ricevuti, scoprimmo, i messaggi. E li avevano anche compresi. Ma decisero di ignorarci lo stesso.

Non vennero ad invaderci, non vollero conoscerci.

Ci restituirono la sonda. Intatta ma spenta.

Provammo a comunicare ancora per un'altra decina di anni. Poi finirono i fondi.

Realizzammo così, a nostre spese, che esiste un universo abitato da altre forme di vita. Purtroppo talmente imbarazzate dalla nostra presenza da decidere che noi non esistiamo.